Reportage: GameLand

Pubblicato: 22 dicembre 2012 in Reportage
Tag:, , , , , ,

Per chi non lo sapesse, dal 21 dicembre 2012 al 6 gennaio 2013, dalle ore 14.30 alle 18.45 (esclusi i giorni 25,26,31 e 1), si potrà visitare a Villasanta ( vicino a Monza ) la mostra “Gameland” organizzata da Emanuele Cabrini di Gamesearch.it. Tale mostra, completamente gratuita, si pone come scopo di informare sulla storia del videogioco, sia gli appassionati sia coloro estranei a questo “mondo”.

banner-top-gameland-villasanta

La mostra.

Lo premettiamo subito, Gameland non è una mostra enorme, ci abbiamo messo più o meno un’ora a guardare, leggere e provare tutto ciò che ha da offrire. Nonostante le dimensioni, è comunque una fiera completa e ben organizzata, oltre che molto interessante. Vi si possono trovare vecchie riviste di videogiochi, le prime console o i primi titoli sviluppati ma anche molti pannelli informativi, che raccontano la storia dal videogioco fin dagli anni 40, passando per l’invenzione della prima console fino ad arrivare ai sistemi di gioco dell’attuale generazione.

IMG00656-20121222-1530

Si possono poi ammirare, come già anticipato, molte console come ad esempio il NES o il Sega MegaDrive, tanto per citarne due. Immancabile naturalmente un Game&Watch a tema Donkey Kong.

IMG00647-20121222-1528

Alcune console si possono addirittura provare. Questo è di sicuro un ottimo modo per far vedere alle attuali generazioni com’erano strutturati i primi giochi e anche le differenze che hanno con quelli attuali. Sono poi esposte alcune opere degli artisti di Neoludica, di cui alcune sono tributi al Moma ( Museum if Modern Art ).

Moma

Cosa ne pensiamo.

La mostra è  ben organizzata, piena di informazioni interessanti per adulti e ragazzi, di qualsiasi età. Le console esposte sono veramente molte, tutte ben ordinate e con descrizione, come anche le riviste del settore.  Gameland è in poche parole un mostra che vale la pena di essere visitata, che sia per soddisfare le proprie curisità riguardanti i videogiochi o semplicemente per giocare e perchè no, scoprire il collegamento tra videogioco e arte.

Articolo a cura di Daniele Ianniello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...